3 modi di insegnare al cucciolo il suo nome


Il nome è quanto di più personale abbiamo, nel nome ci identifichiamo, ci voltiamo prontamente ogni volta che lo sentiamo, anche se siamo impegnati in altre attività o chi lo pronucia non è rivolto a noi.

Ma per i cani è lo stesso?

Difficile dirlo… La cosa certa è che insegnare al cane o a un altro animale il suo nome (quello che noi gli diamo) è sicuramente molto utile. Permette non solo di poter attirare la sua attenzione nonostante non sia in grado di utilizzare la parola umana e sia di un’altra specie, ma anche di poter chiamare lui solo in mezzo a molti altri (anche se della stessa specie/razza). Non si può dire se lui davvero senta vicino, personale, quel suono che noi gli ripetiamo. Probabilmente un cane potrebbe interpretarlo come un semplice richiamo, il modo che gli umani hanno per rivolgersi direttamente a lui.

Allora come fare a insegnarglielo? Prima regola: quanto più il suo nome è associato a qualcosa di positivo( un evento, un premio, delle carezze, l’inizio di una nuova attività) tanto più volentieri ti darà attenzione sentendolo. Bisogna arrivare al punto che il cane, qualsiasi cosa stia facendo (persino inseguire un gatto) interrompa l’azione sentendo il suo nome.

Passiamo ai 3 metodi:

  1. Guarda cos’ho in mano. Prendi un premio, senza che il cane ti veda. Può essere un bocconcino o un gioco. Mentre sei vicino a lui ed è distratto (basta che non ti stia guardando in quel momento, che sia seduto, sdraiato, in piedi…insomma quando non fa nulla) pronunci il suo nome. Se si gira lo premi subito. Essendo vicino al cane, se reagisce bene usando il premio materiale, puoi alternarlo poi con le coccole: lui si gira e tu gli dici bravo, lo accarezzi, gli dai attenzione, insomma ciò che può far contento un cane. Puoi anche iniziare a giocare con lui, o altre attività piacevoli.
  2. Guardami negli occhi. In questo caso il cane sa cosa hai in mano. Faglielo desiderare. Portalo lontano dal tuo corpo con la tua mano, mentre il cane lo guarda e poi velocemente portalo vicino ai tuoi occhi pronunciando il suo nome. Il cane seguirà la mano con il muso finchè ti guarderà negli occhi. Appena ti guarda in faccia premialo.Questo esercizio può successivamente diventare un comando specifico: basta che aggiungi dopo il nome la parola “guardami” e aumenti il tempo in cui il cane sta fermo a fissarti.
  3. Vieni qui. Anche questo diventerà poi un comando specifico, ma è strettamente collegato al nome. Il nome attira l’attenzione e lo sguardo del cane, la parola successiva gli indica cosa vuoi da lui. Meglio essere in uno spazio ampio, comunque ad almeno qualche metro di distanza dal cucciolo. Irish-Setter-Galopp-a18441789Come sempre è distratto, non ti guarda o comunque non sta venendo da te. Chiamalo per nome, se si gira lodalo e magari mostragli un premio che hai precedentemente preso in mano. Probabilmente verrà già solo sentendo il nome e vedendoti, ma comunque sarebbe utile inserire la parola “vieni” in più, così si incomincia ad insegnargli il richiamo. Ricordati la postura: se ti accucci al suo livello, verrà più volentieri da te. Se ti chini su di lui stando in piedi invece potresti incutergli timore.

Ognuno dei tre metodi va utilizzato gradualmente, il che significa che deve essere fatto:

  • Con poche distrazioni. In casa, in un momento di tranquillità. Vanno aumentate man mano che il cane impara e risponde prontamente. Potrebbe all’inizio rispondere bene in casa, ma non ancora fuori al parco con gli altri cani. Evita di provare a chiamarlo in situazioni in cui sai già che potrebbe ignorarti: ogni tentativo fallito, rinforza il suo comportamento negativo (ignorarti) e ostacola l’apprendimento. Quindi pazienza e gradualità!
  • Poche volte, ma buone. In brevi sessioni di al massimo 5 minuti. E’ importante non andare oltre perchè il cane non inizi ad annoiarsi o stressarsi e perda la concentrazione. Bastano pochi esercizi ogni tanto, ben eseguiti. Soprattutto l’ultimo della sessione è importante, perchè sarà quello che il cane si ricoderà meglio..quindi è importante concludere bene, premiare il cane e poi lasciarlo tranquillo.
  • Come se fosse un gioco. E quindi non in modo autoritario. Non è un ordine. Il cane deve scegliere di rispondere alle tue richieste. E chiaramente può farlo solo se le capisce e se gli dai una motivazione valida (questo dipende da te). Ovviamente qualsiasi premio si utilizzi (carezza, gioco, cibo..) è utile nelle fasi iniziali ma quando il cane ha imparato si può anche non usare più o usare ogni tanto. A quel punto saprà esattamente cosa gli chiedi ed entrerà maggiormente in gioco la sua volontà di risponderti e collaborare o meno. Lì si vede se hai saputo mostrarti come una buona guida, chiara, coerente, come un amico a cui ci si può affidare in ogni situazione. Dovrai costruire un buon rapporto con lui, basato sulla fiducia e sulla collaborazione. Se sbaglia non punirlo! L’errore è stato probabilmente tuo, perchè hai avuto troppa fretta o non ti sei fatto capire. Torna alla fase precedente, più facile. Stai attento ai tuoi gesti.    

P.S. Da non dimenticare: i migliori sono i nomi brevi e con un suono particolare. Come il tipico “Rex” .Così il cane potra riconoscerlo meglio tra tutti gli altri suoni. Se ormai il nome è lungo, si può accorciarlo con un soprannome. L’importante è che il cane venga chiamato sempre con lo stesso identico nome e solo quando necessario (mai per scherzo, senza motivo).

Annunci

Insegnare al cane a dare la zampa.


Il metodo qui spiegato è il più graduale e dovrebbe funzionare con quasi tutti i cani in quanto sfrutta il comportamento istintivo del cane che lo spinge a scavare con le zampe quando sta cercando di raggiungere qualcosa (in questo caso il bocconcino)..

ZAMPA

-Prendi un bocconcino e posizionalo a terra,mettendoci una mano sopra. Il cane deve vedere mentre lo fai ed è meglio se tieni la mano in modo che il bocconcino si intraveda, ma il cane non riesca a prenderlo.

-Il cane proverà a spingere con il muso e fare altre cose. Non appena prova ad aprire/spostare la mano con la zampa devi aprirla e lasciare che mangi il bocconcino. Premialo anche attraverso lodi e carezze.

-Quando il cane ha superato la fase precedente vi sono una serie di passaggi graduali: 1.Passare dalla mano appoggiata a terra sopra il bocconcino,alla mano sempre a terra ma messa a pugno;2.Mano sempre messa a pugno ma gradualmente sempre più in alto (dapprima a terra poi si arriva ad averla all’altezza del muso del cane); 3. Mano non più a pugno ma aperta,con il bocconcino tra due dita;4. Mano aperta senza bocconcino.Il bocconcino lo tieni nell’altra mano,messa nascosta dietra la schiena e lo dai al cane non appena da la zampa.Evita di insegnargli tutto in una volta: come per gli altri comandi ci vuole un po’ (anche settimane) e bisogna fare sessioni brevi(5-10 min) che si concludono in modo positivo,distanziate tra loro.

DARE IL CINQUE

Una volta imparato il comando “zampa” , è possibile senza troppe difficoltà insegnargli anche a dare il cinque: Semplicemente cambia il modo in cui si mette la mano, si parte dalla fase 3 con mano aperta e bocconcino tra le dita,ma la mano va messa come per dare il cinque. Dopodichè, quando ha imparato così ,si toglie il bocconcino (fase 4).

Altri metodi comunemente utilizzati sono: -prendere la zampa e premiare il cane – saltare le prime fasi,e partire dal punto 3, quindi mettere direttamente la mano ad altezza del muso del cane ,o a pugno o già aperta e aspettare che provi a toccarla con la zampa. Entrambi i metodi non funzionano con tutti i cani,in particolare il primo è da sconsigliare ( alcuni cani potrebbero non gradire che gli venga presa la zampa,se non sono abituati),il secondo va bene per cani svegli e veloci ad apprendere…Per il resto è sempre meglio non saltare fasi e partire dalla mano a terra,con il metodo che ho spiegato sopra.

Gioco divertente,di attivazione mentale: Una volta che il cane ha capito che toccando il pugno chiuso ottiene il bocconcino che c’è al suo interno è possibile fare questo gioco: Mostragli un bocconcino e chiudilo in una mano,metti entrambe le mani dietro la schiena, mostra entrambi i pugni chiusi al cane( solo in uno c’è il bocconcino)..Il cane come meglio crede cerchera di capire quale delle mani ha il bocconcino(o tramite il fiuto o ricordandosi qual era la mano in cui l’avevi messo) e proverà a indicare una mano.. Apri la mano: se il cane ha sbagliato lascia che indichi anche l’altra mano trovando il premio.. è molto più divertente se a fare il gioco siete più di uno (di conseguenza ci saranno moltissimo pugni chiusi tra cui il cane deve scegliere,si divertirà ad aprirli tutti e scoprire cosa c’è dentro..)

Per maggiori info leggi l’introduzione,cliccando sulla categoria “I comandi” che trovi sulla destra

Come si insegna il “terra”?


IL TERRA
-Prendi un bocconcino che piace al cane e mettilo seduto(il cane deve gia sapere il comando “seduto”)
-Molto lentamente fai seguire al cane la tua mano(dovrebbe annusarla o leccarla per il bocconcino) con la testa e disegna una “L” sotto al suo naso. Il che significa che la mano va dritta verso il pavimento e poi verso di te(vedi foto)
-Non appena il cane si sdraia premialo.
-Occorrerà ripetere molto,ma alla fine basterà fare un gesto verso il pavimento con la mano perchè il cane si sdrai(anche senza passare dal seduto)

 

Se il cane alza il sedere e si mette in posizione di gioco(sedere su e parte anteriore a terra) occorre rifargli fare il “seduto” e riprovare.All’inizio potrebbe non riuscirci: non bisogna perdere la pazienza,si smette e si riprova più tardi.Dal momento in cui il cane lo farà anche una sola volta poi sarà facile farglielo ripetere(quella volta bisogna premiarlo molto),ma senza fretta.
Se il cane morde la mano valgono le stesse regole del seduto,occorre toglierla subito e metterla dietro la schiena,ogni volta che lo fa.

Nel caso in cui niente funzioni c’è un metodo alternativo, cioè far passare il cane sotto qualcosa: in questo modo per forza dovra sdraiarsi.
Di solito lo si fa passare sotto la gamba.Ci si accuccia e per mezzo di un bocconcino si fa passare il cane sotto la gamba piegata:quando è sotto in posizione “terra” lo si premia .
Altrimenti lo si puo far passare sotto una sedia oppure sotto un ostacolo(lo si puo costruire facilmente con qualche scopa e due sedie).
In seguito il cane fara il terra anche senza bisogno di passare sotto qualcosa

Può anche capitare che il cane non si sdrai per via del pavimento..Alcuni cani, più sensibili, possono non gradire appoggiare il ventre sul pavimento freddo o con qualche altra particolarità.. In questo caso si può provare su una superficie piu morbida..

Per maggiori info leggi l’introduzione,cliccando sulla categoria “I comandi” che trovi sulla destra

Video per capire meglio :http://www.youtube.com/watch?v=txS9yMO5CDU   (Ci sono anche i comandi “seduto”,”piede/passo”,il richiamo e il riporto)

Come si insegna il “seduto”?


Se avete domande o non capite scrivete pure..

IL SEDUTO

-Prendi un bocconcino,fallo annusare al cane e mettiti in piedi(se è un cane piccolo ci si puo accucciare) di fronte a lui.
-Molto lentamente muovi la mano con il bocconcino verso il cane,sopra la sua testa e un po verso la sua schiena: i cani sono fatti in un certo modo,facendogli fare questo movimento con la testa dovrebbero automaticamente sedersi.A quel punto gli si lascia il bocconcino come premio.
-Se si è seduto occorre premiarlo e ripetere al massimo qualche volta(come detto per il resta,brevi sessioni distanziate tra loro che si concludono in maniera positiva).Nel giro di qualche settimana il cane diventerà sempre piu bravo e si siedera solo con il gesto della mano,senza bisogno del bocconcino.


Se il cane invece di sedersi salta addosso o morde la mano(dovrebbe annusarla/leccarla seguendola con il muso) bisogna levarla subito mettendola dietro alla schiena.In questo modo capisce che comportandosi cosi non riceve il bocconcino.Bisogna anche tener conto che la mano non dev’essere tenuta troppo in alto(altrimenti salta) o troppo in basso rispetto al cane.
Se il cane arretra prova ad insistere un attimo e vedere se riesci a farlo sedere.Semai smetti e prova di nuovo più tardi. Se proprio non riesci posiziona il cane davanti ad un muro e ripeti(il cane ,avendo il muro dietro la schiena, arretrando si dovra sedere)

Importante: Valgono le stesse cose dette per il “resta”.Non bisogna stressare il cane e si tratta di una richiesta,un gioco, piu che di un “comando”(inteso come ordine,ubbidienza).

Per maggiori info leggi l’introduzione,cliccando sulla categoria “I comandi” che trovi sulla destra

Video per capire meglio :http://www.youtube.com/watch?v=txS9yMO5CDU   (Ci sono anche i comandi “terra”,”piede/passo”,il richiamo e il riporto)

Come si insegna il “resta”?


Ciao! qui spiego come insegnare il comando resta,per chiarimenti scrivete pure un commento…!

IL RESTA
-Prendi un bocconcino che piace molto al cane,faglielo annusare o vedere e poi tienilo nascosto nella tua mano
-Mettiti in piedi di fronte al cane e fagli segno di rimanere fermo,cioè mano aperta con palmo rivolto verso di lui(non troppo vicino al muso però)
-Aspetta 1-2 secondi e subito premia il cane.Solo se il cane è rimasto fermo per quei due secondi,se invece salta addosso o fa qualcos’altro non va premiato.Il bocconcino va fatto vedere e poi tenuto nascosto (nella mano che non usi per il gesto).
-Superata la prima fase allunga i tempi in cui il cane sta fermo
-Poi prova a fare un passo indietro ,torna subito in avanti verso di lui e premialo.Solo se è stato fermo,altrimenti lo fai tornare al suo posto senza dir nulla e ripeti la cosa.(se non riesci devi tornare alla fase precedente)
-Dopodichè fai sempre un passo in piu (sempre camminando all’indietro) finche non ti riuscirai ad allontanare un bel po.Ogni volta il cane deve restare fermo finche non torni da lui per premiarlo,non ti deve venire incontro.

Infine ci sono diverse cose da fare:

-Ci si puo girare,cioè camminare dando la schiena al cane
-Si puo correre avanti e indietro o comunque mentre ti allontani
-Si puo girare intorno al cane
-Si puo uscire dalla visuale del cane(cioè andare in un’altra stanza o dietro a qualcosa o da un’altra parte)

Tutto gradualmente come nelle fasi precedenti e solo se il cane ha superato le fasi precedenti.

resta
resta

Durante l’esercizio non è necessario che il cane stia in una particolare posizione(sdraiato,seduto,in piedi) è sufficente che stia fermo dov’è.
Se poi si vuole insegnare il resta-seduto resta-terra o resta-in piedi è possibile farlo .(il mio fa anche il resta sdraiato a pancia in su :lol: ) Però prima deve sapere bene quegli altri comandi…

Importante:
Bisogna fare sessioni brevi,senza ripetere l’esercizio troppe volte , e che si concludano in maniera positiva(con un esercizio fatto bene e un premio) .Poche sessioni distanziate tra loro ogni giorno,senza nessuna fretta: potrebbero volerci settimane per insegnargli bene per cui avere fretta è solo controproducente.
Non si deve stressare il cane e il tono di voce dev’essere sempre allegro,si tratta piu di un gioco che di un ordine o un comando.Se il cane sbaglia NON si sgrida ma nemmeno si premia, è stato un errore nostro che abbiamo avuto troppa fretta.Si deve ritornare alla fase precedente,piu facile,cosi da concludere in maniera positiva e riprovare piu tardi..
I cani capiscono e imparano meglio i gesti piuttosto che le parole.Se si vuole aggiungere la parola “resta” lo si puo fare in un secondo momento ma sempre associata al gesto con la mano.

Per maggiori info leggi l’introduzione,cliccando sulla categoria “I comandi” che trovi sulla destra